Mondaino. Arboreto: benvenuto umano

L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino

dal 4 al 23 settembre

Benvenuto Umano

residenza creativa per la produzione del nuovo spettacolo

di CollettivO CineticO

 

 

A L’arboreto – Teatro Dimora si svolge un altro progetto dedicato ai processi di ricerca, la compagnia CollettivO CineticO lavorerà per venti giorni alla creazione del nuovo spettacolo Benvenuto Umano. Questo spettacolo è  il lavoro conclusivo del progetto decennale C/o, iniziato dal collettivo nel 2007, anno di fondazione della compagnia.

Il 23 settembre alle ore 21 il pubblico potrà assistere ad una prova aperta dello spettacolo al Teatro Dimora di Mondaino, la première si svolgerà invece l’11 ottobre al Teatro Comunale di Ferrara.

 

Nella continua ricerca di corpi, mondi e sistemi sconosciuti la nuova creazione di CollettivO CineticO per l’anno 2017 incontra il circo contemporaneo. Un’unione tra artisti di circo e performer cinetici, senza dare nulla per scontato.

È un incontro tra la medicina tradizionale cinese e gli affreschi dei mesi di Francesco del Cossa.

È la meraviglia della connessione tra mondi lontani e vicinissimi, tra passato remoto e presente assoluto.

Benvenuto Umano sarà il lavoro conclusivo del progetto decennale C/o, iniziato nel 2007 come una sfida a lungo termine.

C/o è una “architettura coreografica decennale”, ovvero un sistema di performance distribuite nel tempo dove ciascuna indaga una eterotopia (termine coniato da Foucault per designare il “luogo altro”). Le tappe del progetto hanno avuto nature e formati vari, dalla performance in web streaming allo spettacolo teatrale che riflette sullo spazio stesso del palcoscenico o sullo spazio di interpretazione tra spettatore e scena.

 

In Benvenuto Umano la scena è intesa come un corpo che si offre medicalmente a una diagnosi: un sistema di simboli e iconografie che, ispirandosi ai misteri degli affreschi del Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia a Ferrara, attraversa contemporaneamente medicina tradizionale cinese, grafica giapponese, anatomia, astrologia, paganesimo e circo.

 

Sul palco, una piccola tribù di performer e circensi per dare vita a un rituale inventato, per celebrare e ricongiungere elementi tra loro diversissimi e tracciare una linea tra questa terra e la profondità del cielo.

 

Per maggiori informazioni: http://www.arboreto.org/programma/benvenuto-umano/