MONTESCUDO – MONTECOLOMBO. Domenica 25 luglio nel bosco di Albereto (frazione di Montescudo-Montecolombo) “Fortuna. Scambiarsi paesaggi, abitare le infanzie”

 

La rassegna Oltremisura 2021 a cura de L’Attoscuro

accoglie e sostiene un progetto di Isabella Bordoni

tra parola poetica, cammino, suono, ascolto

(22 luglio 2021) – “Fortuna. Scambiarsi paesaggi, abitare le infanzie,” è il progetto di Isabella Bordoni che si svolge domenica 25 luglio ad Albereto, frazione del comune di Montescudo-Montecolombo, come terzo appuntamento della rassegna Oltremisura 2021, realizzata con il sostegno del Comune. Un pomeriggio all’aperto, un incontro che unisce il cammino, il ristoro, la parola poetica, il suono e l’ascolto in ambiente naturale.

Alle 16.15 appuntamento alla Chiesa di Albereto (via Poggio di Sotto, 6/8), da anni chiusa al pubblico, in questa giornata sarà aperta e visitabile.

Alle 16.30 partenza per la passeggiata nel bosco, in compagnia della guida ambientale Francesco D’Agostino. Il bosco in cui è immersa Albereto è un tipico esempio di bosco residuo planiziale, dove flora, fauna, suolo e clima danno vita a un complesso ecosistema della biodiversità. L’itinerario ad anello è anche l’occasione per dedicare il cammino ad Alexander Langer “costruttore di ponti” (1946 – 1995), figura chiave del dialogo interculturale, del pacifismo, del pensiero e delle pratiche ecologiche in Italia e in Europa. Il sentiero che alterna salite a discese è di agevole percorrenza ed è praticabile anche da persone non allenate. Si raccomandano scarpe da trekking, pantaloni lunghi, borraccia. All’ingresso del borgo c’è una fonte. Durata del percorso 2 ore scarse.

Alle 18.30 merenda in comune, con pane casalingo, miele, vino e acqua di fonte, grazie alla collaborazione con la rete dell’associazionismo locale, Proloco e Associazione Noi del Campanone.

Alle 18.45 nel campo della Chiesa che riguadagna per l’occasione la propria bellezza grazie al lavoro di pulizia e cura di questi giorni, ascolto di “Fortuna”, parole e voce di Isabella Bordoni, suono di Christian Mastroianni. “Fortuna” è un canto all’infanzia che una domenica di luglio accoglie la fatica del cammino e assume la forma di un rituale poetico-sonoro, ai margini di un bosco.

Scritto nel 2004 tra Rimini e Brema, con una versione scenica nel 2006 e due versioni radiofoniche, nel 2012 per RAI 3 e nel 2014 per ORF (Austria), “Fortuna” è un’esperienza dell’ascolto che ha bisogno ogni volta di un luogo e di un paesaggio, che al pari del testo siano capaci di contenere il passato, il presente, il futuro. Un luogo e un paesaggio ai quali sia cara la memoria ma che anche siano capaci di lasciarsi attraversare dal tempo, accogliere la trasformazione come valore, aprirsi ad altre infanzie, considerare l’abbandono, rigenerarsi, nascere ancora. “Fortuna” incontra una sua nuova contemporaneità in un luogo e un tempo come questi: un campo aperto nel tempo di Covid19 per dare luogo a piccoli rituali, micro-comunità capaci di fare ancora memoria.

Così, una domenica d’estate “Fortuna” diventa un incontro in campo aperto per scambiarsi paesaggi e abitare le infanzie e nutre le intenzioni di un pomeriggio insieme: per fare ancora memoria, per fare ed essere luogo, per fare ed essere lingua; con passi sparsi e sconfinati e nel segno di una poesia indisciplinata e selvatica.

 

Partecipazione libera, prenotazione consigliata

Info: 347 5838040, info@lattoscuro.it

Tutti gli eventi si svolgono nel rispetto delle norme igienico-sanitarie anti Covid19

Lascia un commento