Morciano. La parola d’ordine del sindaco: “Condivisione”

“La Giunta – dice il sindaco di Morciano, Giorgio Ciotti – prende atto e si atterrà in tutto e per tutto alla volontà espressa dal Consiglio comunale in totale autonomia. Ricordiamo, infatti, che sindaco e Giunta hanno sempre rinunciato a qualsiasi iniziative sul tema dell’ex Ghigi, demandando la competenza esclusiva al Consiglio. La nostra speranza è che si possa arrivare il prima possibile a una soluzione condivisa che, nel rispetto delle normative vigenti, possa restituire ai morcianesi un luogo di centrale importanza per il futuro del paese e di tutta la Valconca. La proposta che verrà formalizzata in senso alla conferenza di programma dovrà essere discussa, prima della sua eventuale adozione, in un momento partecipativo aperto a tutta la cittadinanza morcianese: per questo motivo, così come espressamente richiesto dal Consiglio comunale con l’atto di indirizzo, ho già chiesto al responsabile della partecipazione, l’avvocato Stefano Pagliai, di attivarsi: le attività partiranno nella terza settimana di aprile. La proposta della conferenza di programma, è bene ricordarlo, sarà inoltre sottoposta alla valutazione di tecnici ed esperti del settore esterni al Comune: da questa valutazione dipenderà l’eventuale adozione”.