MORCIANO. La sanità morcianese verso il rafforzamento

Nei giorni scorsi, a seguito di un positivo incontro con il direttore generale Tiziano Carradori, il responsabile dell’ufficio tecnico e patrimonio di Ausl Romagna, Enrico Sabatini, accompagnato dal sindaco Giorgio Ciotti, ha effettuato un sopralluogo presso la strutturale distrettuale di via Arno/Santa Maria Maddalena che ospita la Casa della Salute.
“E’ stata l’occasione per fare il punto sullo stato dei servizi sanitari del nostro Comune: ringraziamo la direzione dell’Ausl e l’ingegner Sabatini per la disponibilità e l’attenzione dimostrate – spiega il sindaco Giorgio Ciotti – . La stessa Ausl ci ha confermato la volontà, espressa dalla Regione Emilia – Romagna, di procedere all’ampliamento della nostra Casa della salute, in un quadro generale di potenziamento dei presidi sanitari, a cominciare dagli ospedali di Riccione e Cattolica.
Si punta a fare in modo che la Casa della salute possa garantire almeno 12 ore di apertura giornaliere. L’investimento previsto oscilla tra il milione e il milione e mezzo di euro.
Tre medici di famiglia del nostro territorio, inoltre, hanno dato la loro disponibilità a convergere presso la struttura di via Arno (che sarà rilasciato a partire dal 15 gennaio 2021) per quanto riguarda l’espletamento del loro servizio, così da assicurare l’operatività minima richiesta in questi casi.
L’ampliamento consentirà di riportare a Morciano alcuni servizi specialistici, oltre al rafforzamento degli esistenti. Stando alle previsioni della Regione, l’intervento potrà essere completato la prossima estate, così da entrare a regime nel settembre 2021”.

Lascia un commento