Novafeltria. Spacciatore serale cade nella rete dell’Arma

Carabinieri Novafeltria: spacciatore serale cade nella rete dell’Arma

 

I Carabinieri della Compagnia di Novafeltria hanno stretto le manette ai polsi di un 38enne residente nell’Alta Valmarecchia, colto in flagranza di reato per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Nell’operazione sono stati sequestrati 300 grammi di cocaina, 9 grammi di marijuana e 1.000 euro in contanti.

Da alcuni giorni, i Carabinieri della Compagnia di Novafeltria avevano notato dei movimenti sospetti in un parcheggio nei pressi della piscina di Novafeltria, con un andirivieni di autovetture e persone a piedi, il tutto riconducibile a una presunta attività di spaccio. La specifica attenzione veniva tra l’altro ulteriormente confermata anche da alcune segnalazioni pervenute agli uomini dell’Arma che iniziavano così un’attività di monitoraggio nell’ambito di un servizio finalizzato al contrasto di reati in materia di stupefacenti.

L’attività otteneva riscontri positivi quando erano da poco trascorse le 19 ed i militari notano il 38enne fermo a bordo della sua autovettura nel solito parcheggio e da lì a poco vedono giungere un altro veicolo con due ragazzi a bordo. Il veicolo si è accostato, il conducente è sceso repentinamente dal mezzo e con un gesto repentino ha infilato la mano all’interno del veicolo del soggetto che aspettava e dopo pochi secondi riponeva qualcosa nella tasca anteriore sinistra del giubbotto per poi immediatamente risalire a bordo del mezzo ed allontanarsi rapidamente. Questo movimento ha fatto insospettire i Carabinieri che con un’altra pattuglia, opportunamente fatta circolare nei pressi, ha subito fermato il veicolo, trovando il soggetto in possesso di alcune dosi di cocaina e marijuana.

Era chiaro a quel punto agli operanti che si trattava di un vero e proprio spaccio di droga. Nel mentre, giungeva un altro mezzo con alla guida un altro giovane ed anche questa volta si constatava lo scambio celere tra i due. A quel punto gli operanti hanno deciso di entrare in azione ed hanno bloccato lo spacciatore e l’acquirente. Dall’immediata perquisizione personale e veicolare sono saltate fuori due dosi di cocaina in possesso dell’acquirente ed altre sei dosi di cocaina ed una di marijuana, oltreché del denaro contante in banconote da 20 e 50 euro, per un totale di oltre 1000 Euro, in possesso del pusher.

La perquisizione è stata pertanto estesa all’abitazione del soggetto, dove all’interno del garage sono stati trovati altri involucri contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina del peso complessivo di oltre grammi 300, nonché due bilancini di precisione e vario materiale utilizzato per il confezionamento della stessa sostanza, oltre a vari contenitori pieni di sostanza da taglio.

Stante i gravi indizi di colpevolezza cristallizzati dai Carabinieri, il 38enne è stato dichiarato in arresto per “spaccio di sostanze stupefacenti”. L’arresto è stato avallato dal Pubblico Ministero di turno e per il 38enne, al termine delle formalità di rito, si sono aperte le porte del “Casetti” di Rimini. Questa mattina il giudice dopo aver convalidato l’arresto, lo ha sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa del processo che sarà prossimamente celebrato.

Per gli altri 2 giovani, trovati in possesso dello stupefacente acquistato, è scattata la segnalazione alla Prefettura di Rimini quali detentori per uso personale di sostanza stupefacente.

Lascia un commento