Pennabilli. Si crede una divinità e minaccia di uccidere tutti: arrestato dai Carabinieri

“Artisti in piazza a Pennabilli”, lavoro extra per i carabinieri. Questi ultimi durante la manifestazione culturale hanno arrestato un 38enne di origine campana, residente nel fiorentino, per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale. L’intervento delle divise è stato richiesto da un esercente perché il campano aveva cominciato a dare in escandescenza: il bello – si fa per dire – sarebbe comunque arrivato dopo. All’arrivo dei militari l’uomo ha cominciato a vaneggiare, asserendo di essere una divinità e che per questo avrebbe uccisi tutti quanti. Poi calci e pugni. Arresto convalidato dal Tribunale di Rimini e processo per direttissima con tanto di condanna a 14 mesi di servizi sociali in quanto il campano aveva già precedenti simili.

Dior

Lascia un commento