Quelle bugie della Lamorgese: Lampedusa? È di nuovo in tilt

Non è passato neppure un giorno dalla visita del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese a Lampedusa, eppure gli sbarchi clandestini non si fermano. Per ora le promesse restano tali, e continuano gli arrivi di immigrati sulle coste italiane, con un numero che si incrementa in modo costante ed allarmante.

“Cercheremo delle soluzioni per non pesare su questa comunità”, aveva assicurato ieri la titolare del Viminale prima di lasciare l’isola, come riportato da “Rainews“. Eppure, nelle ultime ore, grossomodo dall’alba di oggi fino a poco fa, e solo per quanto riguarda Lampedusa (provincia di Agrigento), sono stati sei i barchini assistiti prontamente dalle motovedette della Guardia di finanza e della Guardia costiera.

La più grande tra le imbarcazioni individuate trasportava una trentina di extracomunitari, per cui sommando questi ultimi agli altri stranieri sbarcati sul suolo del nostro Paese si arriva complessivamente al numero di 102, tutti di nazionalità tunisina, secondo quanto riferito da “AdnKronos”.

Dopo l’arrivo dei soccorsi e le prime visite di routine, tutti i clandestini sono stati trasferiti presso l’hotspot di contrada Imbriacola, oramai completamente in tilt, visto il numero strabordante di ospiti rispetto a quella che è la capienza della struttura. Al suo interno vi sono infatti ben 180 extracomunitari, a fronte dei 95 previsti al massimo per il centro. Ciò che allarma ancora maggiormente è che al largo di Lampedusa siano già stati individuati altri barchini che fanno rotta verso l’Italia.

Una situazione che sta portando all’esasperazione numerosi residenti dell’isola che nella giornata di ieri, in concomitanza con la visita del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, avevano manifestato il loro dissenso dinanzi al locale municipio. La preoccupazione è legata sia al rischio di compromissione della stagione turistica che a quello di eventuali contagi da parte dei nuovi arrivati extracomunitari, visto che l’emergenza Coronavirus non è ancora rientrata.

Timori che Lamorgese aveva cercato di allontanare nel vano tentativo di tranquillizzare cittadini, promettendo “la massima attenzione del governo per Lampedusa”. “I migranti sbarcati vengono sottoposti a test sierologici“, aveva aggiunto il ministro, per poi ringraziare “per il difficile e gravoso impegno della Prefettura e delle Forze dell’ordine in occasione delle operazioni di salvataggio in mare, trasbordo, controllo e trasferimento dei migranti”. La situazione, tuttavia, è fuori controllo.

Anche durante la visita di Lamorgese, nonostante tutte le accortezze prese col trasferimento di un ingente numero di ospiti dal centro di accoglienza, tuttavia, erano proseguiti gli sbarchi di clandestini, 8 tunisini per la precisione, come rivelato da Matteo Salvini.

Il governo ha svuotato l’hotspot di Contrada Imbriacola per non infastidire Luciana Lamorgese in visita a Lampedusa”, ha spiegato l’ex vicepremier, “ma i porti spalancati hanno permesso a otto clandestini di arrivare sull’isola sotto il naso del ministro. Questo governo non riesce a riportare i soldi degli italiani dall’Europa all’Italia, ma porta le ong al Viminale e gli immigrati sulle nostre coste. Conte-Lamorgese-Pd-5Stelle sono un pericolo per l’Italia“, ha concluso il leader del Carroccio.



Fonte originale: Leggi ora la fonte