Saludecio. “La ‘sfelicità’ svanisce in biblioteca”