Saludecio. Procurato allarme e simulazione di reato: denunciato 40enne

CARABINIERI DI RICCIONE (RN) – DUE ARRESTI E SEI DENUNCE IN STATO DI LIBERTA’.

 

COMUNICATO STAMPA DEL 7.05.2018.

 

Nello scorso week-end, nella giurisdizione dipendente da questo comando, nel corso di servizio di controllo del territorio finalizzato in specie al contrasto dei reati contro il patrimonio, contro la persona, nonche’ alla prevenzione in tema di sicurezza stradale, militari dipendenti:

  1. traevano in arresto

–  per il reato di violenza sessuale:

Ø G. E., 55-enne, nato e residente a Pesaro ma di fatto domiciliato a Riccione.

Nella circostanza, i militari del Nor – Aliquota Radiomobile intervenivano presso l’esercizio pubblico ubicato in questa via Milano, ove l’indagato, dopo aver consumato vari drink, aveva poco prima compiuto atti sessuali nei confronti della proprietaria dell’ esercizio, palpeggiandola nelle parti intime nonche’ masturbandosi in presenza della di lei figlia minorenne;

–            per reato di furto aggravato:

Ø M.N, 18-enne, nato a Rimini residente a Misano Adriatico, pregiudicato. I militari della Stazione di Misano Adriatico, intervenivano in quella via Trebbio ove era stato segnalato l’indagato, alla guida di un’ autovettura fiat 500 targata, di proprietà di una giovane del luogo, da poco asportata. I Carabinieri, intervenuti in loco riuscivano a fermare il soggetto, mentre tentava di allontanarsi dalla citata via. Nel corso del controllo, inoltre, si appurava che il prevenuto si era allontanato arbitrariamente da una comunita’ di Pesaro  ove era stato collocato in virtu’ di misura cautelare emessa dall’ A.G di Bologna per altra causa.

  1. indagavano in stato di libertà:

–  per il reato di rifiuto di indicazione sulla propria identità e mancato possesso di documento di identificazione:

Ø  E.J, nato 38-enne nigeriano, residente a rimini;

Indagato, sprovvisto di idoneo documento, sottoposto a controllo, rifiutava di fornire le proprie generalita’, venendo identificato solo a seguito di attivita’ di fotosegnalamento.

–  per reato di porto di armi ed oggetti atti ad offendere:

Ø  V.D., 40-enne, nato a Roma ma residente a Saludecio. Indagata, sottoposta a controllo da parte dei militari della Tenenza di Cattolica, veniva trovata in possesso di un grosso coltello del genere vietato.

–            per reato di procurato allarme e simulazione di reato:

Ø  Y. N., 31-enne, nata a Pesaro e residente a Vallefoglia. Nella circostanza, la giovane denunciava ai militari della Tenenza di Cattolica, che nel pomeriggio del 25 aprile 2018, era stata vittima di violenza sessuale da parte di un gruppo di giovani non meglio indicati. Gli accertamenti condotti dai militari permettevano di riscontrare la falsita’ di quanto denunciato dalla giovane, la quale aveva simulato il reato allo scopo di giustificare una prolungata assenza da casa, in compagnia del fidanzato.

–            tre utenti della strada poiche’ sorpresi alla guida delle rispettive autovetture in stato di ebbrezza alcoolica in violazione dell’art. 186 del c.d.s.;

  1. sanzionavano amministrativamente:

Ø 6 utenti della strada per violazioni al c.d.s., elevando sanzioni per un totale di euro 800,00 circa;

  1. sottoponevano a controllo oltre 50 veicoli e 100 utenti della strada.

 

Espletate formalità rito, G. E. veniva associato presso la casa circondariale di Rimini mentre M. N. trattenuto presso le camere di sicurezza della Tenenza di Cattolica in attesa del rito direttissimo..