Saludecio. Spacciano metadone: nei guai operaio e compagna

Nella mattinata di sabato i carabinieri hanno eseguito una perquisizione su mandato dalla locale Procura della Repubblica a seguito di una breve e mirata attività investigativa condotta sul conto di due soggetti arrestati. I militari hanno quindi proceduto alla perquisizione in casa nei confronti di un morcianese operaio di 44 anni, e della sua compagna originaria del Bolognese, di 38 anni. La coppia, sospettata di gestire un piccolo giro di spaccio nella zona, è stata sorpresa in possesso di una decina di fiale di metadone che, sprovviste dell’etichetta di assegnazione, sarebbero state spacciate ad alcuni tossici del posto. I carabinieri, confermando così l’ipotesi investigativa, hanno dichiarato in stato di arresto i due, finiti poi ai domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo.