Teatro: il 2020 del Comunale di Bologna riparte al PalaDozza

(ANSA) – BOLOGNA, 05 AGO – Riparte non da un teatro ma da un
palazzetto dello sport come nuovo palcoscenico la stagione
artistica 2020 del Teatro Comunale di Bologna: gli spettacoli
riprendono il 21 settembre al PalaDozza con un concerto
sinfonico diretto da Jurai Valcuha. Il programma è stato
annunciato oggi.
    Fino a fine anno seguiranno, tra novità e conferme di
spettacoli già in calendario, altri sei concerti durante i quali
si alterneranno l’Orchestra e la Filarmonica del Teatro
bolognese, quattro opere tra l’Otello di Verdi diretto da Asher
Fisch dall’11 al 18 novembre e ripensato da Gabriele Lavia per i
nuovi spazi, e il balletto 4 Stagioni di Giuliano Peparini con
l’étoile Eleonora Abbagnato, l’unico spettacolo previsto nella
settecentesca sala di Antonio Bibiena il 9 e 10 ottobre.
    L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti del progetto Opera Next
verrà presentato in forma semiscenica dal 29 settembre fino al 7
ottobre, mentre le recite Madama Butterfly di Puccini saranno
presentate in forma di concerto il 18, 20 e 21 ottobre.
    Nei successivi appuntamenti con la musica sinfonica, sul
podio si alterneranno le bacchette Hirofumi Yoshida (28
settembre), Roberto Abbado (12 ottobre), Yoel Levi (15/10),
Stefano Bollani nel doppio ruolo di pianista e direttore
(19/10), Pinchas Steinberg il 22 novembre e Oksana Lyniv il 27
novembre.
    Sono ad oggi confermati gli appuntamenti già programmati per
dicembre, come La Bohème di Giacomo Puccini, i concerti diretti
da James Conlon e da Ryan McAdams e il gala internazionale di
danza Les Étoiles. Le informazioni su dove si terranno questi
spettacoli ed altre notizie saranno comunicate non appena
possibile, anche in conformità con l’evolversi della situazione
sanitaria e con le prossime direttive nazionali e regionali.
    “Il Comunale guarda al futuro – ha spiegato il sovrintendente
Fulvio Macciardi – organizzandosi in luoghi nuovi per superare
le contingenti restrizioni. Abbiamo realizzato un importante
lavoro tecnico-logistico per ottenere una qualità elevata dal
punto di vista sonoro, inserendo una camera acustica virtuale, e
per creare degli spazi adatti alle esigenze dei nostri
spettacoli, nel rispetto delle norme anti-Covid”.
    Dettagli sul sito internet del Teatro Comunale www.tcbo.it.
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte