Venezuela: elezioni, sì opposizione moderata a voto del 6/12

Luis Parra, leader di una coalizione di partiti di opposizione che hanno scelto la via del dialogo con il governo del presidente Nicolás Maduro, ha presentato ieri a Caracas nella sede del Consiglio nazionale elettorale (Cne) l’iscrizione della piattaforma ‘Alianza Venezuela Unida’ per le prossime elezioni legislative del 6 dicembre. Lo scrive oggi il quotidiano Ultimas Noticias.
    “Dal potere legislativo – ha dichiarato Parra ai giornalisti ricordando il suo ruolo di presidente dell’Assemblea nazionale (An) appoggiato dal governo in sostituzione del leader dell’opposizione Juan Guaidò – siamo venuti qui per formalizzare l’iscrizione di una piattaforma politica del Venezuela unito, una cosa che abbiamo sempre sognato”.
    Insieme ad altri oppositori (Goyo Noriega, Negal Morales e Conrado Pérez) Parra ha presentato la documentazione del raggruppamento che riunisce i partiti Primero Justicia, Voluntad Popular e Un Nuevo Tiempo, i cui massimi dirigenti, oppositori radicali, sono stati estromessi in giugno e luglio dal Tribunale supremo di giustizia (Tsj) e sostituiti da altri più moderati a cui sono stati attribuiti i pieni poteri di gestione ed i simboli per partecipare ad elezioni.
    Successivamente Jonathan Patti, del partito Copei, ha presentato una seconda coalizione, Alianza Democrática, composta dai partiti Copei, Acción Democrática, Esperanza por el Cambio, Alianza Progresista e Cambiemos.
    Patti, illustrando gli obiettivi di questa iniziativa, ha sostenuto che si cerca di “rispondere soprattutto alla richiesta del popolo venezuelano che i leader politici si occupino in primo luogo dei cittadini”.
    Lo scenario politico ed elettorale è stato agitato di recente in Venezuela dalla decisione di due leader oppositori di peso, Henrique Capriles e Stalin González di abbandonare le posizioni di Guaidò e di altri leader oppositori radicali di considerare una “farsa” e una “truffa” le elezioni fissate dal governo per il rinnovo a dicembre dell’Assemblea nazionale.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte